Home » Lisola prigione by Ottavio Cappellani
Lisola prigione Ottavio Cappellani

Lisola prigione

Ottavio Cappellani

Published October 11th 2011
ISBN : 9788852020803
ebook
408 pages
Enter the sum

 About the Book 

Un delitto efferato sulla plaja di Catania. Un giovane turista scandinavo viene trovato morto, dilaniato, irriconoscibile.Tanto che si pensa sia stato sbranato da una muta di cani. Ma le indagini della polizia lasciano emergere una veritàMoreUn delitto efferato sulla plaja di Catania. Un giovane turista scandinavo viene trovato morto, dilaniato, irriconoscibile.Tanto che si pensa sia stato sbranato da una muta di cani. Ma le indagini della polizia lasciano emergere una verità sconvolgente, assurda, inaccettabile: le impronte sul corpo del giovane sono prodotte da denti umani, appartenenti a un solo individuo, dotato di una forza inimmaginabile. E poche ore dopo, in diretta televisiva, una cronista viene sbranata da un suo simile...Al martellante rincorrersi delle notizie, i primi giorni, segue un inspiegabile silenzio, una sorta di cordone sanitario mediatico intorno alla vicenda, sempre più inquietante. Sullisola si diffonde il panico, la fobia per la presenza dei cannibali provoca disordini.Interviene lesercito - anzi gli eserciti -, ma non è chiaro per difendere chi da chi, o da cosa- si parla di guerra civile, ma di nuovo non si sa di chi contro chi. La popolazione viene invitata a evacuare lisola.E per quelli che decidono di restare, cè solo paura.È in questo scenario irreale eppure, drammaticamente, verosimile, che sono destinati a incontrarsi i tre protagonisti di questo romanzo: Michela, bella, irrequieta e solitaria guardia forestale- Gabriele, aspirante documentarista in cerca di una storia sensazionale dove mostrare roba vera spacciata per finta- Turuzzieddu, ragazzino siciliano fin nel profondo del dialetto, che il potere dei mostri lha sentito nelle grida di suo padre e sua madre. Nessuno di loro sa quanto coraggio dovrà dimostrare, nessuno sospetta che nellisola abbandonata alla ferinità più ancestrale lamore e la fiducia si riveleranno le sole possibilità di sopravvivenza.Ma tutti e tre, mentre fuggono e cercano di restare vivi, si ritrovano in un viaggio: alla ricerca di sé e, insieme, di un senso, che il delirio sempre più incontrollabile in cui si trovano immersi non sembra avere. Dovranno accettare che il potere, il potere assoluto sugli uomini e sulla materia, può essere lunica ragione che ha determinato quella follia.In quattro tavole - aperte ciascuna da prologhi visionari che parlano dellinganno delle parole, dei libri e di una possibile, folle libertà -, con scrittura graffiante e intensa Cappellani denuncia e prefigura la spettacolarizzazione dellorrore, la folle hybris umana di controllare le proprie risorse materiali e morali, e dà vita a un noir inquietante e ardito, capace di farci provare, nel profondo, paura. La paura che, sola, può spingere a cercare vie duscita.